Falcone

Jean-François Cazeau è lieto di annunciare l'apertura della mostra dedicata all'artista contemporaneo italiano Falcone, dal 7 al 24 marzo nella sua galleria di Sanremo.
Questa mostra è il risultato di diversi anni di monitoraggio dei progressi di un artista nato a Palermo che attualmente vive e lavora tra il Belgio e la Svezia, Falcone.
Il suo lavoro tenta di stabilire un dialogo con la storia della pittura, esplorando da dentro tutti gli aspetti di questo mezzo. Falcone analizza la pittura riutilizzando le opere di antichi maestri e ricreando le stesse tecniche per deformarle e adattarle al proprio processo pittorico. I dipinti di Falcone rappresentano una miscela di tecniche antiche e moderne, dove le ricette tradizionali sono talvolta mescolate a nuove manipolazioni. Sfocando i limiti della pittura, Falcone crea atmosfere confuse e misteriose, alternando indistintamente tra figurazione e astrazione.
Influenzato dalla maestria di Caravaggio, Falcone contrappone le sfumature scure del chiaroscuro, ricreando somiglianze scenografiche con le opere del maestro italiano. Potenzialmente teatrali, le opere di Falcone rappresentano spesso dipinti di antichi maestri, alcuni più famosi di altri, molti dei quali provengono da artisti che fanno parte della "setta dei tenebrosi", leggermente modernizzata, ma che hanno mantenuto l'abilità di la tecnica dei maestri. La "setta dei tenebrosi" era il nome del movimento nato a Napoli e che descriveva i seguaci di Caravaggio.
Dove Falcon rivoluziona davvero l'imaging è l'uso di vari media per addensare la trama della vernice. Si possono applicare diverse vernici per sfocare il soggetto e creare un'impressione moderna di soggetto classico. Tar viene anche usato dall'artista in una varietà di sue opere. Caravaggio e molti dei suoi seguaci usavano il tar per creare un pigmento nero lucido che riflettesse la luce come nessun altro pigmento prima. Falcone rende omaggio a Caravaggio e ai progressi che ha compiuto nella tecnica pittorica.
Ancorata alla tradizione dell'arte del XX secolo e alla presentazione regolare di artisti ispirati al Caravaggio, la galleria è quindi estremamente felice di ospitare la sua prima mostra monografica dedicata a Falcone.